Categorie
Alberi

L'apparato radicale dell'albero

L'apparato radicale dell'albero svolge funzioni fisiologiche, prelevando acqua dal terreno con sali minerali in essa disciolti, e meccanico, fissando l'albero nel terreno. Inoltre, le radici degli alberi possono svolgere una serie di altri compiti, come lo stoccaggio di materiale di ricambio, impatto sul suolo, ecc.. L'apparato radicale dell'albero, densamente in crescita del suolo, contribuisce al suo rafforzamento e previene l'erosione. Secondo questi compiti, il sistema di root è adeguatamente sviluppato. La sua estensione orizzontale è generalmente maggiore dell'estensione orizzontale della corona. La lunghezza totale delle radici dei grandi alberi decidui supera in modo significativo 100 km. La massa della radice spetta a 25% la massa dell'intero albero (in abete 15-25%, in abete 14-22, u sosny 10-20, sulla quercia 14-20, nel rumore 5—15%). Lo studio dei sistemi di root è associato a grandi difficoltà tecniche, e quindi sono una parte meno conosciuta dell'albero.

L'anatomia della radice originale differisce dal germoglio fuori terra. La giovane radice è ricoperta da un'epidermide chiamata rizoderma. Consiste di uno strato di cellule a parete sottile non coperte da una cuticola, non ci sono nemmeno stomi in esso. I cosiddetti tricomi si formano nella zona terminale della radice (zona dei capelli), che, insieme al rizoderma, partecipa all'assorbimento delle sostanze necessarie alla pianta. Quindi la parte finale della radice è la zona in cui l'acqua e le sostanze nutritive vengono assorbite più fortemente dal terreno.

La crescita delle radici si verifica a causa del meristema dell'apice, che è coperto da un cosiddetto cappuccio (kalyptra), facilitando la crescita delle radici nel substrato. Gli alberi producono sistemi di radici caratteristici di una data specie. Tuttavia, a seconda delle condizioni del suolo, e soprattutto le relazioni con l'acqua, il tipo di sistema di root può variare notevolmente. I sistemi di radici degli alberi possono essere ampiamente classificati in tre tipi: palowy, obliquo (cardiaco) e piatto (disco).

Disegno. Sistemi di radici degli alberi: a sinistra - mucchio; nel mezzo del cuore; a destra - disco; (secondo Kostler).

Il caratteristico sistema di pali è formato da pino silvestre, abete bianco, Pino di Weymouth, spesso larice, e in giovane età anche l'abete di Douglas. Anche molti alberi decidui con diversi sistemi di radici sviluppano inizialmente una radice a fittone.

La maggior parte dei tipi di querce e alcuni olmi mantengono il loro tipo di radice a fittone per molti decenni. Lo sviluppo del sistema di radici di tipo mucchio dipende spesso dalla possibilità di crescita delle radici libere, per esempio.. su sabbie profonde. In condizioni diverse, il tipo di apparato radicale caratteristico di una data specie può subire varie modifiche.

System ukośny (cardiaco) caratterizzato dalla presenza di numerose radici altamente sviluppate, che formano un emisfero uniforme e rami relativamente numerosi. I larici producono i tipici sistemi di radici del cuore, lettura quotidiana, alberi di tiglio, betulle e carpini. Sistema disco (piatto) è costituito da diverse radici orizzontali altamente sviluppate (superficiale) e deviando da loro, spesso verticalmente, radici del secondo ordine. Un tipico esempio di albero con un tale apparato radicale è l'abete rosso tra le conifere. Spesso un tale sistema di root è prodotto da filo bianco, cenere, pioppo tremulo.

Disegno. Apparati radicali di alcune conifere e latifoglie (secondo Kostler): successivamente da sinistra a destra pino, abete, abete rosso, afferrare, lipa.

A parte differenze fondamentali nella disposizione delle radici principali, possono esserci differenze significative nella crescita eccessiva del suolo da parte delle radici di ulteriori filari. Le radici degli alberi decidui crescono nel terreno molto più intensamente di quelle delle conifere. Tra le conifere crescono le radici del larice e dell'abete Douglas. Tra i nostri alberi decidui, querce e olmi sono i meno rigogliosi. Supera molto di più il frassino, pioppo e rapide, Il più forte, tuttavia, è il faggio, afferrare, olsze, sicomoro, Aceri norvegesi e tigli. Si può affermare, che gli alberi con un sistema di radici a forma di cuore superano il suolo in modo più intenso.

Le caratteristiche del sistema di root includono anche la capacità di adattarsi alle mutevoli condizioni, principalmente per modificare il livello delle acque sotterranee. Gli alberi decidui sono superiori alle conifere sotto questo aspetto. La distribuzione dei nutrienti nel terreno può causare varie modificazioni del tipo di apparato radicale. Nel complesso si può dire, che i terreni ricchi sono meno ricoperti di radici rispetto ai terreni meno ricchi. Se le piante utilizzano principalmente l'acqua piovana, quindi quando il livello delle acque sotterranee è basso (sabbie), gli alberi producono piatti, superficiale, ma sistema di radici ampiamente ramificato (per esempio.. pino silvestre). Un fenomeno simile si osserva in città, per esempio se dopo

la parte superiore è ricoperta di assi intorno all'albero. Le radici poi si raccolgono in una massa compatta dove l'acqua entra nel terreno. A volte le radici, in cerca di acqua e aria, invadono il suolo per l'intera larghezza della superficie impermeabile. Tali radici non hanno una funzione meccanica, sono relativamente sottili e altamente conduttivi all'acqua. È necessario evidenziarlo, che nella città sotto la superficie pavimentata l'aria del suolo è un fattore che modifica l'apparato radicale in quanto non meno importante dell'acqua. Radici di abete rosso, Weymouth, L'abete rosso e il faggio Sitka sono particolarmente sensibili alla mancanza di ossigeno sufficiente nell'aria del suolo. Il fenomeno dell'aerotropismo delle radici può spesso essere osservato negli alberi che crescono su superfici impermeabili (geotropismo negativo), solo causato dalla mancanza di ossigeno.

Le proprietà meccaniche del legno di radice sono diverse da quelle del legno di tronco. Ad esempio, la forza schiacciante di una radice nella direzione radiale, importante quando si piega la radice, è tre volte inferiore alla resistenza alla trazione. Le forme e le dimensioni delle radici dipendono da vari carichi sulle singole radici. Ad esempio, è molto probabile che le radici vengano schiacciate, come le principali radici laterali nel sistema discale o cardiaco, sono spessi, mentre, nel frattempo, le radici del secondo ordine nel sistema discale sono "prevalentemente allungate" relativamente sottili. Le radici hanno una grande capacità di superare ostacoli meccanici nel terreno o di adattarsi a loro. Lo sviluppo dell'apparato radicale è influenzato anche da fattori meteorologici, principalmente vento. Radici spesse si trovano sul lato sottovento, più resistente allo schiacciamento e alla flessione, sul lato sopravvento, invece, si sviluppano radici più lunghe, con maggiore resistenza alla trazione. Quindi, c'è anche la stessa asimmetria all'interno del sistema di root, come nella zona della corona e del tronco.

La maggior parte degli alberi forestali ha una simbiosi tra radici e funghi, la cosiddetta micorriza. Tale simbiosi è particolarmente importante per gli alberi in habitat aridi e poveri di nutrienti. Le ife del fungo sono come organi aggiuntivi per l'assunzione di soluzioni di sali minerali. In condizioni urbane, lo sviluppo della micorriza è molto limitato. L'aggiunta di terreno ai pozzi dai siti forestali naturali quando si piantano alberi nelle città ha questo vantaggio aggiuntivo, che consente lo sviluppo della micorriza almeno per un po '. La maggior parte dei funghi che coesistono con le radici degli alberi crescono in terreni leggermente acidi.