Categorie
Alberi

Fratture di alberi alle forcelle

Fratture di alberi alle forcelle

Le cause e gli effetti delle fratture. Questo tipo di danno provoca i danni più gravi agli alberi. La frattura è nella maggior parte dei casi il risultato di un indebolimento meccanico del sito di biforcazione. In tali luoghi, due o più rami o rami adiacenti l'uno all'altro vengono premuti l'uno contro l'altro. Queste pressioni sono causate dall'aumento dello spessore e si verificano prima, minore è l'angolo di biforcazione (disegno).

Disegno. Fasi successive di danno in una stretta biforcazione.

Se l'angolo di biforcazione è grande, gli arti non sono premuti l'uno contro l'altro. Il mantenimento di questa condizione è l'obiettivo principale della creazione della struttura della corona. Le pressioni troppo vicine ai rami adiacenti possono essere così grandi, che causano stress, seguita da crepe e spaccature nel tronco. Tale crepa si verifica più spesso durante i venti forti, quando uno dei rami è inclinato all'indietro. Quando la forza del vento è forte, può verificarsi una rottura completa nel punto di frattura. Il legno nelle fessure persistenti delle forche si infetta molto facilmente a causa dell'acqua piovana che si accumula in questi luoghi.. Anche vari contaminanti entrano in tali spazi vuoti, che favoriscono il mantenimento di un'elevata umidità e la progressione dell'infezione. Il tessuto curativo formato ai bordi del piano di frattura viene schiacciato e sfregato a seguito dei movimenti dei rami spaccati. È accompagnato da fuoriuscita di succhi (prodotti di assimilazione), essendo un ottimo terreno fertile per vari batteri e funghi. In tali condizioni la decomposizione del legno è molto rapida e progredisce verso il basso nel tronco e si diffonde sempre più ai rami.

Molto spesso, l'infezione del legno nella forcella avviene prima che si rompa, indebolendo il punto in cui i rami si uniscono; la crepa diventa quindi un danno secondario. Ecco perché, che molte delle forcelle strette creano spazi vuoti, mis itp., in cui l'acqua intrappolando e accumulando materiali organici favorisce la decomposizione della corteccia, e poi il legno. Tale danno, basato sul progressivo degrado del legno del tronco, è molto comune nei tigli e negli aceri a causa di una biforcazione della corona difettosa. In alcuni casi, filtri fatti di tubi di plastica possono essere inseriti nelle depressioni risultanti nei siti di biforcazione., drenaggio dell'acqua accumulata.

Danni al legame naturale, cos'è il legno sano, porta sempre alla rottura del ramo, cioè alla perdita di una parte significativa dell'albero. Le grandi ferite che ne derivano sfigurano l'albero, è molto difficile guarirli completamente, e anche nutrimento, prevenire l'infezione del legno – non è facile. Il trattamento consiste nel livellare l'intero piano della frattura con uno scalpello, compresa la riva, dandogli una forma allungata verticalmente e fissandola con i mezzi già discussi.

In caso di forte degrado interno del legno del tronco, rompendo un grande arto, e spesso gran parte della chioma equivale alla distruzione dell'intero albero. L'intraprendere procedure infermieristiche nella maggior parte di questi casi non è giustificato. Tali alberi sono spesso una minaccia per le persone e dovrebbero essere rimossi.

Il danno causato da un angolo di biforcazione troppo piccolo può essere evitato modellando adeguatamente la corona, e soprattutto mantenendo angoli di ramificazione più alti. Prevenire la rottura delle biforcazioni, entrambi sani, così come quelli con legno danneggiato, è possibile installando attacchi speciali.

Attacchi per evitare rotture.

Tali legami implicano l'unione di due o più rami insieme per tenersi insieme, per evitare crepe o rotture in corrispondenza della biforcazione. Questi legami possono anche prevenire in modo molto efficace la rottura di rami e arti sopra il punto di diramazione (biforcazione). Lo scopo del legame non è solo quello di proteggere l'albero dai danni, ma molto spesso è necessario per motivi di sicurezza. Tale protezione è di grande importanza sulle strade per il traffico automobilistico, accanto ai cavi elettrici, telecomunicazioni e altri dispositivi, per cui gli alberi possono rappresentare un rischio.