Categorie
Alberi

IL SIGNIFICATO DEGLI ALBERI LATTE-CLIMA E SANITARI

Regolazione del rapporto tra ossigeno e anidride carbonica.

Nell'atmosfera delle grandi città può verificarsi un forte aumento del contenuto di anidride carbonica. La ragione di ciò potrebbe essere, in particolare, soluzioni urbane inadeguate (ventilazione ostruita) in relazione a condizioni meteorologiche sfavorevoli. La produzione di ossigeno degli alberi e il fabbisogno di ossigeno umano per la respirazione sono comparabili. In base al presupposto, che la superficie delle foglie nello spazio verde della città (quindi l'area fogliare totale degli alberi, arbusti e prato) è 4-5 volte più grande dell'area occupata, richiesta annuale di ossigeno per la respirazione da parte di una persona, può essere coperto da 30-40 mq di spazio verde. L'area delle foglie degli alberi è 5-10 volte più grande di quella della proiezione della corona. Tuttavia, la richiesta di ossigeno della città è così grande, principalmente a causa dell'industria e dei mezzi di comunicazione, che la "produzione" di questo nutriente da parte della vegetazione cittadina è relativamente bassa. Nei centri con una civiltà tecnica altamente sviluppata, l'uomo ha bisogno di enormi quantità di ossigeno, ammontare 11,8 t all'anno. Un faggio autoportante di 100 anni (circa l'altezza 25 m i pierśnicy 60 cm) ha una corona con un volume di ca. 2500 m³, su cui si trova a ca. 800000 foglie con una superficie totale 1500 m². Questo faggio viene rilasciato entro un'ora durante la stagione di crescita 2,35 kg di anidride carbonica, e secerne 1,7 kg di ossigeno, quindi, in totale, la quantità di ossigeno sufficiente a coprire la domanda annuale di questo componente 10 persone. Un ettaro di abete rosso di 76 anni "produce" ogni anno 21 t di ossigeno, e un ettaro di faggeta di 100 anni emana questa quantità di ossigeno per tutta la sua vita, quale produzione industriale costerebbe 360 milioni di PLN.

Secrezione di phytoncides. Molti alberi, arbusti e altre piante emanano sostanze volatili chiamate phytoncides. Spesso hanno un effetto antisettico o addirittura curativo, che viene utilizzato nel trattamento termale. I pini sono tra i produttori più intensivi di phytoncides, ginepro, czeremcha, betulla. L'abete li secerne anche in misura minore, abete rosso, cis, quercia, afferrare, clone, cenere, Pioppo, Noce, nocciola, kalina, ribes, lampone, biancospino, rosa e molti altri. È stato dimostrato che i fitoncidi hanno un effetto distruttivo o inibitorio sui batteri, actinomiceti e funghi.

Aumentare lo scambio di masse d'aria. La vegetazione contribuisce chiaramente alla variazione di temperatura nella città (disegno).

Disegno. Movimenti convettivi delle masse d'aria all'interno degli spalti durante il giorno e la notte.

Questo fenomeno si osserva comunemente quando le piante sono adiacenti ad altri elementi, come edifici, superfici ecc., vale a dire, il più vicino a quest'ultimo, maggiore è la temperatura. Anche una differenza di temperatura dell'aria di circa 1 ° C provoca una corrente di convezione a monte, che in estate è particolarmente forte sulle aree urbane e industriali. La convezione delle masse d'aria è inoltre favorita dai processi di rilascio di energia termica nell'economia umana. Con la corrente d'aria ascendente, gli inquinanti nell'atmosfera vengono sollevati, e al loro posto, un'aria più pulita scorre attraverso le aree verdi limitrofe (disegno).

Disegno. Influenza dell'alta vegetazione legnosa sull'inizio dei movimenti d'aria all'interno dell'edificio durante il giorno.

Quando si spostano le masse d'aria orizzontalmente, la vegetazione, particolarmente alto, aumenta la turbolenza (flusso turbolento), inoltre - se razionalmente selezionato e disposto - può svolgere un ruolo di controllo e isolamento nello scambio delle masse d'aria.

Abbassare la temperatura dell'aria. Ha dichiarato, che nelle città le temperature medie annuali sono superiori di 1-1,5 ° C rispetto alle zone limitrofe. Ciò è dovuto a molte ragioni. Grandi quantità di calore vengono rilasciate in vari processi economici. Queste quantità possono persino superare la quantità di energia solare per unità di superficie. Nel centro cittadino il riscaldamento di strade ed edifici crea sbalzi di temperatura di oltre 10 ° C rispetto alla periferia. Già la larghezza della copertura dell'albero 50-100 m può abbassare la temperatura di circa 3,5 ° C. Piantagioni sciolte (con un leggero cortocircuito) hanno una superficie attiva maggiore rispetto ai gruppi compatti e possono funzionare in modo più efficiente. Il motivo dell'aumento della temperatura in città è anche la mancanza di acqua sulle superfici del suolo incrostate, superfici, ecc.. Come sapete, l'evaporazione assorbe solitamente una notevole quantità di calore dall'ambiente circostante, e nel caso di bassa umidità di tutte le superfici nelle città, questo processo è significativamente limitato. E qui l'importanza delle piante è molto importante. Gli alberi hanno bisogno dei loro processi vitali, principalmente per la traspirazione, grandi quantità di calore. Per evaporare 1 è necessaria l di acqua 600 kcal. Nel processo di traspirazione di un grande albero in una sequenza 1 giorno, pari a 600 l, quindi si consuma 360000 kcal, una traspirazione per ettaro di faggeta di 115 anni, ammontare 25-30000 litri al giorno – assorbe 18 milioni di kcal. Alberi dalla superficie 1 m² di foresta evaporano la quantità di acqua corrispondente a 70 mm di precipitazione, che comporta usura 42000 kcal.