Categorie
Alberi

Crepe di gelo negli alberi

Crepe di gelo negli alberi.

Molto spesso i tronchi degli alberi subiscono fratture verticali dovute alle basse temperature. È allora, quando nelle soleggiate giornate invernali il tronco si riscalda fortemente dal lato soleggiato. L'aumento della temperatura aumenta il volume della parte riscaldata del tronco. I rapidi abbassamenti notturni della temperatura provocano un rapido raffreddamento della superficie del tronco e un restringimento periferico della massa legnosa. Massa legno interna, avendo ancora una temperatura più alta e un volume maggiore, crea stress. Tale stress è ovviamente il massimo sul lato più caldo, ed è anche qui che il tronco si frattura più spesso. È accompagnato da un forte botto, o meglio una crepa (da qui il detto "inverni scoppiettanti"). Slot come questo, a seconda dello spessore del tronco e della qualità del legno, possono essere larghe 0,5-3 cm. In caso di riscaldamento uniforme dell'intero tronco, la sua parte centrale di solito si rompe, sebbene spesso la fessura percorra tutta la sua lunghezza. Slot come questo, dopo che la temperatura del tronco si è equalizzata, di solito si chiude, senza disturbare l'albero statico. Il cambio danneggiato nel sito della frattura produce tessuto curativo su entrambi i lati, quale, fondendosi insieme, chiude il divario. Di conseguenza, nel sito della frattura compaiono cicatrici caratteristiche (disegno).

Disegno. Crepa da gelo del tronco e metodo per depositare il tessuto curativo sui bordi della fessura.

In molti casi, tuttavia, soprattutto in questi bauli, che non sono caricati in modo uniforme (corone asimmetriche) il divario causato dalla frattura non si chiude (disegno).

Disegno. Rimozione del tronco incrinato con l'utilizzo di barre d'acciaio e il metodo di sagomatura dei posti di seduta per le rondelle e il bordo della fessura; questa modellatura facilita la deposizione del tessuto in via di guarigione.

Spesso tali fratture si ingrandiscono anche a causa dell'azione di varie forze trasmesse al tronco, provocando la flessione, torsione, ecc.. La notevole larghezza delle fessure rimanenti e i movimenti dei loro bordi rendono impossibile la chiusura della fessura con tessuto anche in forte guarigione. In tali condizioni, il legno viene infettato. Un albero infestato può decomporsi abbastanza rapidamente, ed è favorito dall'acqua piovana che scorre lungo i rami e dal tronco entrando nella ferita. Pertanto, ogni crepa richiede la disinfezione il più rapidamente possibile. Perché il divario è stretto, quindi, l'accesso alla superficie del legno è limitato, pertanto, la decontaminazione spruzzando un agente appropriato con uno spruzzatore è più efficace rispetto alla lubrificazione. Se il divario creato è profondo e non si chiude, quindi si consiglia di legare stringendo i bordi divisi, vale a dire l'uso di barre d'acciaio che passano attraverso il tronco. Quando si assumono più barre, non devono essere posizionate sulla stessa linea retta, impedendo così al tronco di rompersi quando attorcigliato. I bordi della fessura devono essere tagliati con un angolo di 45 ° di 2-3 cm verso l'interno. Ciò rende più facile prendersi cura della ferita fino a quando non è guarita e depositare il tessuto curativo. Prima di torcere le legature, l'articolazione deve essere asciutta e abbondantemente spalmata di catrame di frutteto, in modo che dopo aver ruotato tutti gli spazi liberi ne sarebbero stati riempiti.

Le crepe lasciate con i bordi aperti per diversi anni e non curate possono essere una grande minaccia per il bagagliaio, poiché in loro procede la decomposizione del legno. Molto spesso "rotoli" di tessuto curativo, le fratture formate ai bordi di una tale fessura sono in contatto tra loro, dando l'impressione di guarire la ferita, tuttavia, una spaccatura rimane all'interno. L'umidità relativamente alta ivi mantenuta favorisce la decomposizione del legno. È abbastanza facile verificarlo inserendo un filo spesso attraverso lo spazio tra i cumuli di tessuto in via di guarigione. Per il momento in cui, quando la decomposizione del legno non è ancora avvenuta, il trattamento di tali luoghi viene effettuato in modo diverso. A causa della prevista infezione, e anche il decadimento iniziale del legno, la frattura del moncone non può essere chiusa come nel caso mostrato nella figura sopra, perché favorirebbe il progresso del decadimento. Un posto del genere deve essere lasciato aperto, e persino ampliato per facilitare la disinfezione e la protezione dall'ammollo dell'acqua e per facilitare l'asciugatura. Il tessuto curativo prodotto ai bordi dovrebbe essere tagliato. Il grado di allargamento della fessura può dipendere dall'accessibilità richiesta delle superfici interne della fessura o dalle condizioni del legno, che devono essere rimossi. I bordi del giunto devono essere tagliati con un angolo di 45 °; questo faciliterà la deposizione di tessuto curativo. Se lasciare e allargare il divario viola le proprietà statiche richieste dell'albero o può causare ulteriori fessurazioni del tronco, quindi dovrebbe essere rinforzato meccanicamente (disegno).

Disegno. Un metodo per trattare una crepa da gelo aperta e trascurata: a - frattura con legno danneggiato e tessuto cicatrizzante prodotto ai bordi; b - l'interno ei bordi formati del sito danneggiato e il metodo di applicazione di una cravatta che rafforza il tronco.

Tale rinforzo è diverso da quello utilizzato per la pressatura del legno nel sito di frattura, che le aste attorcigliate, grazie ai tratti di tubo inseriti, non avvicinino il piano dell'asola durante la torsione. Il rinforzo può anche essere costituito da più o più barre. È di grande importanza negli alberi esposti a forti venti. La suscettibilità alle crepe da gelo non è la stessa tra le specie. Gli alberi sono molto suscettibili alla rottura dei tronchi: alberi di castagno, alberi di frassino, cloni, olmi e platani. Prevenire le crepe è abbastanza difficile. Protezione naturale che provoca una leggera ombreggiatura del tronco sono numerosi rami nella parte inferiore della chioma e rami di alberi che crescono nelle vicinanze. I tronchi completamente esposti sono i più vulnerabili. Il modo più semplice per proteggerli è proteggerli dai raggi del sole, per esempio.. tessuto, feltro per tetti ecc.. Un modo efficace è dipingere il tronco di bianco, analogamente alla frutticoltura. Tuttavia, questo metodo non può essere utilizzato nei parchi, per le strade, ecc..