Categorie
Alberi

Fertilizzazione degli alberi

Fertilizzazione degli alberi.

Rimozione della lettiera, pavimentazione, calpestare, anche l'erba erbosa della superficie sotto gli alberi impedisce o impedisce la circolazione dei nutrienti tra il terreno e la pianta, inoltre peggiorano i rapporti tra aria e umidità.

La dimensione della perdita di nutrienti agli alberi può essere valutata al meglio, quando si confrontano le esigenze nutrizionali delle singole specie con la quantità di componenti che ritornano nel terreno sotto forma di foglie cadute che formano la lettiera. In condizioni forestali, i depositi di calce ritornano sul pacciame 50% nutrienti presi. Il supporto in betulla restituisce molti meno componenti. Più vecchio è l'albero, maggiore è il contenuto di minerali delle foglie, così più di questi componenti vengono restituiti al suolo. Come risultato della rimozione della lettiera, aumenta il deficit di nutrienti nel terreno.

Tabella Nutrienti assorbiti e restituiti al suolo durante l'anno in stand diversi a seconda dell'età.

Le perdite causate dal rastrellamento dei rifiuti riguardano principalmente l'azoto, potassio e calcio, il che è confermato dalle analisi chimiche delle foglie; i risultati di queste analisi sono presentati nella tabella e nella tabella seguenti.

tavolo. Il contenuto dei nutrienti più importanti (ad eccezione dell'azoto) nelle foglie di alcune specie arboree ca. 35 anni.

Percentuale di azoto nelle foglie di alcune specie arboree:

Robinia pseudoacacia 3,4
Alnus incana 2,8
Tilia cordata 2,3
Acer pseudoplatanus 2,3
Acer saccharum 1,7—2,8
Corylus avellana 2,1—2,3
Quercus sp. 2,3
Quercus borealis 1,8—2,4
Fagus sihatica 1,7—2,2
Tilia platyphyllos 2,2
Fraxinus excelsior 1,7—2,1
Salix caprea 1,9
Ulmus sp. 1,8
Sorbus aucuparia 1,8
Betula verrucosa 1,7
Alnus glutinosa 1,4
Carpinus betulus 1,2
Pinus silvestris 1,3-1,8
Larix sp. 1,1—1,9
Picea excelsa 1,1—1,8

Finora non sono disponibili dati sul peso delle foglie prodotte dagli alberi urbani. I dati sulla fisiologia degli alberi forestali non sono completamente affidabili in condizioni urbane. Rastrellare i rifiuti nelle foreste, tuttavia, ha sempre causato degli svantaggi, e talvolta anche catastrofico degrado dell'habitat. Vale la pena menzionarlo qui, che gli alberi autoportanti producono più pacciame rispetto agli alberi a crescita compatta, così nelle città, dove predominano i primi, le perdite dovute al rastrellamento delle foglie cadute sono ancora maggiori.

La carenza di singoli nutrienti nella pianta può essere determinata sulla base di sintomi esterni. In caso di carenza di azoto, le foglie mostrano una leggera decolorazione verde, diventando giallastro con l'aumentare della carenza. Le foglie
e i germogli diventano più piccoli e sottili. Sintomi di carenza
di solito si verificano in tutto l'albero. La carenza di potassio riduce la crescita dei germogli, finché non si ferma completamente. Le foglie sono piccole e spesso hanno una sfumatura verde-bluastra. Un sintomo di carenza di potassio può essere la deperimento dei bordi della lamina fogliare.

Le perdite causate dalla rimozione delle foglie possono essere almeno parzialmente compensate da un'adeguata fertilizzazione. Tuttavia, la mancanza di formule stabilite per concimare gli alberi in condizioni urbane rende difficile questa attività. La domanda delle singole specie arboree per i nutrienti di base - N:P:K kształtuje się jak 1 :1 : 0,6. In Germania, una miscela di fertilizzanti viene utilizzata sotto il nome "Baumfutter", che contiene quantità significative di azoto organico. Il rapporto di N: P: K è dentro 1:1:2, e la percentuale di ingredienti puri - 7:7:13.

Negli Stati Uniti vengono utilizzate miscele di fertilizzanti, in cui il rapporto di N:P:K è 1,0: 0,8: 0,6. Queste miscele sono principalmente azoto sotto forma di composti organici. La quantità di fertilizzante necessaria è praticamente determinata dallo spessore del tronco dell'albero. Sopra 1 il diametro di cm del tronco dovrebbe cadere, a seconda delle dimensioni della corona, N 14-28 g, P 14—28 g io K 26-52 g.

Quando si fertilizzano alberi che crescono in gruppi, vengono utilizzati 4-8 kg della miscela del rapporto N.:P:K = 10:6:4 sopra 100 m² terenu.

Le dosi di fertilizzanti dovrebbero dipendere dallo scopo della fertilizzazione. Ad esempio, se l'albero è giovane e vogliamo ottenere un rapido aumento della sua massa, sarà giustificato aumentare le dosi di fertilizzanti. In condizioni urbane, si consiglia di concimare i seguenti alberi:

1) cresce sui prati;

2) cresce su suoli ricoperti da superfici impermeabili;

3) cresce su terreni poveri;

4) subire un intervento chirurgico; concimazione necessaria dall'anno precedente il trattamento a diversi anni dopo il trattamento.

Lo scopo della fertilizzazione degli alberi dovrebbe essere quello di integrare le perdite di nutrienti. Per concimare alberi più vecchi, è meglio usare fertilizzanti ad azione lenta, grazie al quale è sufficiente utilizzare questo trattamento ogni pochi anni.